venerdì 17 dicembre 2010

DI NOTTE NON RUSSO, BRUXO!

Ogni epoca porta con sé nuove patologie, che diventano quasi 'di moda'.


Una ipocondriaca come la sottoscritta (vi consiglio caldamente 'Io sono ipocondriaco' di Dennis Dicaludio, libretto fantastico che analizza oltre cinquanta fra le più terribili e sconosciute malattie corredate da sintomi spesso sottovalutati, dalla progeria, all'idrofobia, all'insonnia fatale), non poteva restare indifferente a una delle piaghe d'Egitto che affligge la nostra società: il fenomeno del BRUXISMO.

Di questa nuova spada di Damocle fino a due anni fa non ne avevo mai sentito parlare, ma oggi, ahimè, mi rendo conto di venire sovente esclusa dalle conversazioni tra amici perché non ho un bite personalizzato. Non mi sentivo così discriminata dall'età di 10 anni, quando mia madre non voleva comprarmi la Barbie Fior di Pesco.

Vi riporto da Wikipedia:

“Dicesi bruxismo, da 'brùko', il digrignamento dei denti dovuto alla contrazione della muscolatura masticatoria, soprattutto durante il sonno. Generalmente viene considerato come una parafunzione, ovvero un movimento non finalizzato a uno scopo (vorrei ben sperare!).
Al momento non esiste una terapia specifica per questa condizione ma vengono utilizzati degli opportuni dispositivi, detti bite, (ecchallà!) che possono essere duri o morbidi a seconda delle necessità, che proteggono di notte i denti dall'erosione”.

Il processo di emarginazione nei miei confronti ha subito un'ulteriore impennata quando ho appreso, mio malgrado, che l'argomento principe delle serate non era più il DR House ma il DR Brux, bite automodellante che “puoi scegliere nel colore che più ti piace”.

Il particolare che m'inquieta, è che su internet si legge che chi soffre di bruxismo nella maggior parte dei casi cela “un'aggressività trattenuta e accumulata da tempo, con fantasie di attacco e/o vendetta”.

Pivella a me, che finalmente mi ero decisa a chiedere a Babbo Natale un iPhone 3 o 4, visto che l'imperdonabile mancanza mi aveva già destinata al cerchio dantesco dei 'Virtuosi non battezzati'.

Non sia mai mai che questa nuova razza di bruxisti dai denti erosi e aguzzi sfoghi l'ira funesta su di me. A questo punto, meglio infilarsi lemme lemme nel cerchio degli ignavi...

Per fortuna sono ancora in tempo per una rettifica:

“Caro Babbo Natale, a malincuore ti chiedo di tenerti pure il mio iPhone nuovo di zecca, e di farmi trovare sotto l'albero, se ti è possibile, uno di quei DR. Brux, magari nei colori della bandiera d'Italia. Ti ringrazio per la tua disponibilità e pazienza,
Serena”.

2 commenti:

  1. beccato!! sono una vittima del famigerato bite consigliato dalla mia splendida dentista. ebbene si ad una visita di controllo la mia dottoressa esordisce dicendo che sarebbe consigliabile mettere di notte un bite dal momento che sto consumando un pochino i denti dalla parte interna. ho subito pensato ad un apparecchio con diversi livelli di memoria da misurare in "bite", ma poi la mia "ignoranza" in materia è stata subito messa a tacere dai consigli "disinteressati" della mia dentista la quale continua a sostenere che devo indossare di notte questo "oggetto del dispiacere"...mi chiedo: come farò a baciare la mia dolce metà???? non sarò poco sexy co sto coso ficcato in bocca??? ciao sere
    Jack (un affezionato)

    RispondiElimina
  2. Certo che il paradenti tricolore è tamarrissimo! Rocky The Italian Stallion meets Rosanna Lambertucci... qualcosa che trascende il contemporaneo!
    Ottimo post, Serena (che senza virgola sembra una frase da ex-fidanzato).

    Ciao!

    RispondiElimina